PET THERAPY – LA MIA ESPERIENZA

Desidero raccontarvi la mia esperienza con la pet therapy.

Tanti anni fa dopo una delusione d’amore il caso volle che una mia amica trovò un cagnolino per strada (la mamma era appena stata investita) e non potendolo tenere mi chiese se io fossi interessata. Accettai senza pensarci troppo ed il fatto di dedicarmi a lui così bisognoso di cure e di attenzioni mi fece molto bene e mi aiutò pian piano a dimenticare il ragazzo. Lo chiamai Tobia, un meticcio dal pelo lungo, riccio e nero. Era buffo ed ha vissuto con noi 17 anni, parte dei quali con mio fratello visto che io nel frattempo mi ero trasferita in un’altra città. Durante la sua vita ha fatto parte della nostra famiglia con le sue corse, i suoi giochi, il suo affetto. Inutile dire quanto gli fossi affezionata e come soffrii quando morì.

Prima di lui c’erano stati altri cani, ma se ne occupavano i miei famigliari, riconoscevano infatti in mio nonno il loro padrone. Toby invece era stato una mia scelta e lo consideravo il mio cagnolone un po’ pazzerello, avevo deciso io di tenerlo e di prendermene cura.

cane tobia

Da quando vivo in appartamento non ho più avuto cani, ma capisco il desiderio di mio figlio di avere un animale in casa, in famiglia li amiamo tutti molto, ma in particolare lui, che è passato dalla richiesta di avere un cane a quella di un porcellino tibetano. Abbiamo avuto così numerosi pesci (tutti deceduti nel giro di pochissimo tempo…) ed ora abbiamo raggiunto una stabilità con un coniglio ariete nano, o meglio una coniglietta grigia bella paffutella, di nome Trilly, e con una tartaruga d’acqua, Houston.

coniglio trilly

tartaruga houston

Mio figlio li osserva, mi fa presente e si informa se nota qualcosa di strano, si occupa e si preoccupa per loro.

Ritengo sia importante abituare i bambini a pensare ad un altro essere vivente e a responsabilizzarsi nei suoi confronti.

Grazie a questa considerazione ho voluto approfondire il concetto di pet therapy, trovando nel sito dell’associazione Aslan di Torino una fonte di conoscenza molto utile:

“La pet therapy è una co-terapia che affianca terapie tradizionali, con l’obiettivo principale di promuovere il benessere della persona grazie al coinvolgimento di animali domestici. E’ stata riconosciuta come cura ufficiale anche dal Ministero della Salute.

Si è riconosciuto per la prima volta nella storia d’Italia il ruolo affettivo che un animale può avere nella vita di una persona e la valenza terapeutica degli animali da compagnia.

Gli Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) sono una disciplina integrata che, grazie al coinvolgimento di animali domestici, ha valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa.

La carta vincente della pet therapy è rappresentata dalla relazione affettiva che si crea tra il paziente e l’animale, un rapporto autentico che porta sostegno, serenità e sollievo, che aiuta a reagire davanti alle difficoltà della vita.

L’animale infatti trasmette un sentimento di accettazione incondizionata, indipendente da età, etnia, problemi fisici o psicologici della persona con cui interagisce.” (fonte: sito Aslan)

Inoltre:

“Un animale è per i bambini un’occasione di crescita, perché accarezzarlo e coccolarlo provoca un gradevole contatto fisico e stimola creatività e capacità di osservazione. Con ragazzi più grandi, il rapporto con l’animale può diventare invece il mezzo per stimolare vissuti e riflessioni su concetti importanti come il rispetto, la fiducia, la reciprocità.” (fonte: www.nostrofiglio.it)

Così quando è stato il momento della sua Cresima ho domandato a mio figlio cosa potessi realizzare come bomboniera e lui senza pensarci un attimo mi ha subito risposto che desiderava Trilly con Houston.

Per cui li ho trasformati in una calamita in pasta polimerica.

bomboniere pasta polimerica animali

Ho cercato poi dei confetti verdi che richiamassero il colore della tartaruga, abbinandoli a scatoline trasparenti.

bomboniere pasta polimerica confetti

E li ho confezionati con il nastro verde di due tonalità diverse.

bomboniere pasta polimerica confezione

Il risultato finale mi è proprio piaciuto, per cui ho pensato che oltre ad offrire tra i miei prodotti le bomboniere personalizzate dei vostri bambini/bambine, inserirò anche quelle dei loro fedeli amici.

Se desiderate essere aggiornati sulle altre novità a cui sto già pensando, seguitemi su Facebook ed Instagram.